L'era della cosmocronia

L'era della cosmocronia

Venditore
Nexus Edizioni
Prezzo di listino
$20.00
Prezzo scontato
$20.00

Riflessioni sulla civiltà prossima ventura

Siamo entrati nella civiltà della Cosmocronia, di un mondo integralmente sincronizzato nel tempo e nello spazio, con le reti globali che connettono ogni punto del pianeta in ogni istante. Non ci sono più albe e tramonti, giorni feriali e festivi. Si vive l’istante globale per la durata di 24 ore su 24 in ogni dove. Tutte le attività sono sincronizzate e il cosmo è diventato un mosaico di hub in perpetuo dialogo.
I gruppi che guidano il cambiamento allargano il loro campo di azione sull’intero pianeta grazie alle ingenti risorse finanziarie e alla pervasività della tecnologia.
Quali le conseguenze di questa trasformazione? Si rimetteranno in discussione i criteri di verità, giustizia, salute. Con ogni probabilità ci saranno poderose influenze culturali su media e istituzioni per creare consenso. E interverranno meccanismi decisionali per imporre pensieri e miti nuovi, concepiti strumentalmente per affermare la civiltà cosmocrona, globale, ubiqua, 24 ore su 24. Sono a rischio le libertà di pensiero, di stampa, di ricerca scientifica. Da qui l’esigenza di un riscatto che passi attraverso il risveglio delle coscienze individuali e collettive.

A chi si rivolge
Un libro utile per chi si chiede “in che mondo vivo?”, per capire le ragioni e la struttura del cambiamento in atto. E per avere contestualmente strumenti critici e affrontare le sfide che l’evoluzione della tecnologia e della finanza ci stanno offrendo con l’imposizione di un nuovo modello sociale.

Paolo Gila
Giornalista economico, svolge anche l’attività di scrittore, creatore di eventi culturali e conferenziere. Ha pubblicato una quindicina di libri, tra saggi e romanzi, editi con case editrici come Bollati Boringhieri,
Il Sole 24 Ore, Giunti, Armando, Guerini. Editorialista di alcune testate internazionali, nel 2007 ha ideato e brevettato Ifiit, il primo indice di fiducia sull’innovazione in Italia, accreditato presso il Ministero dello sviluppo economico. Dal 2010 è ideatore e curatore del Festival della Geografia, che ha ottenuto sei medaglie al valore culturale da parte
della Presidenza della Repubblica. Nel suo percorso professionale ha sceneggiato documentari culturali per case cinematografiche private


Leggi le recensioni:

Il Velo di Maya Magazine